Cola-Cola: magic box ecosostenibile a Expo 2015

cocacola_blog

Il tema scelto per Expo Milano 2015 rappresenta la ricerca di un equilibrio tra il bisogno di cibo dell’uomo e le risorse disponibili sulla Terra, ponendosi come momento di dialogo tra i protagonisti della comunità internazionale. L’obiettivo è sollevare domande, offrendo ai visitatori strumenti utili per cercare le proprie personali risposte. Una vera e propria sfida che coinvolge tutti i soggetti partecipanti, inclusi i visitatori che si interrogano sulle conseguenze delle proprie azioni per le prossime generazioni. In Expo Milano 2015 tutto è in totale armonia con la natura, dallo sviluppo del sito espositivo alle aree tematiche, dai cluster ai partecipanti, anche le architetture lo sono. Coca-Cola è stata scelta da Expo 2015 come Official Soft Drink Partner, il suo padiglione racconterà il patrimonio e la visione dell’azienda in linea con il tema dell’Esposizione Universale. Un viaggio all’insegna dei cinque sensi, alla scoperta della sostenibilità del brand, basato sulla promozione di stili di vita attivi, alimentazione equilibrata, innovazione del prodotto e dei pack, e protezione dell’ambiente. All’interno del padiglione i visitatori potranno scoprire attraverso un “viaggio” i valori dell’azienda in tre sezioni:
• locale, per testimoniare il forte radicamento nel territorio in cui opera
• energy balance, per scoprire l’impegno dell’azienda attraverso iniziative concrete per favorire l’attvità fisica e un’alimentazione equilibrata
• sostenibilità, per conoscere l’impegno di Coca-Cola nella riduzione dell’impatto ambientale dei propri prodotti e delle proprie attività.

Il Padiglione Coca-Cola a Expo 2015, progettato dall’architetto Giampiero Peia (Peia Associati S.r.l.) e dall’agenzia di Brand Experience psLIVE, risponde ai più alti standard di sostenibilità ambientale, dai materiali green alle innovative soluzioni tecniche e tecnologiche adottate. Legno, vetro, acqua – materiali ecosostenibili, riutilizzabili e facilmente riciclabili – daranno vita a uno spazio dal disegno semplice, iconico e accogliente, che sorgerà in prossimità del Padiglione Italia e di Lake Arena. Sarà un edificio minimal a forma di parallelepipedo: 30×25 m, alto 12 m, per una superficie complessiva di 1000 mq. Una “magic box” più per la qualità del progetto sostenibile e per il suo contenuto che per gli effetti speciali. Il padiglione Coca-Cola interpreta la massima integrazione tra architettura e natura: la “magia” della sostenibilità (rispetto e valorizzazione delle risorse naturali); legno, vetro, acqua e verde invece ne saranno i quattro elementi cardine, fondamenti estetici e architettonici. Il lato lungo Nord, costituito unicamente da ampie vetrate e quinte lignee frangisole, ospiterà una gigantografia del logo Coca-Cola. Lungo il lato Sud, le quinte si alterneranno ad altrettante vele mobili, sagomate come la silhouette di Contour (la storica bottiglia in vetro, che quest’anno compirà 100 anni). Un unico codice colore a vivacizzare la struttura essenziale e interamente giocata su materiali e colori naturali e sofisticati giochi di luce: il rosso. I due prospetti Est e Ovest invece saranno animati da luminescenti cascate d’acqua sospese. La copertura piana sarà allestita a green roof, interamente piantumato, polmone verde dell’edificio. Il padiglione Coca-Cola è stato studiato per garantire il massimo risparmio energetico e il minor impatto possibile sull’ambiente, nonché il massimo comfort interno. L’ingresso e l’uscita, a Est e a Ovest, saranno aperti per consentire un sistema di ventilazione naturale. Le scenografiche cascate che ne lambiranno le vetrate, ne mitigheranno la temperatura contribuendo al comfort degli ambienti interni. Sui lati Nord e Sud, la sequenza di vetri mobili e inclinabili secondo necessità favorirà una climatizzazione “passiva” (contenendo i consumi dati da impianti di raffrescamento). La riduzione dell’effetto “isola di calore” sarà inoltre garantita anche dalla copertura a tetto verde. Permeabile alle piogge e “abitato” da piante autoctone a bassissimo consumo d’acqua, permetterà un ottimo isolamento termico e un basso consumo di energia per la climatizzazione, analogamente all’area verde che incornicerà il padiglione. La scelta di chiudere l’edificio con ampie vetrate lungo tutto il perimetro consentirà di beneficiare al massimo dell’illuminazione naturale. La penetrazione della luce solare sarà regolata grazie a vetri con fattori solari diversi a seconda dell’esposizione al sole. Le stesse eleganti bandiere mobili a forma di Contour funzioneranno da schermi solari. L’illuminazione artificiale invece sarà a lampade a basso consumo e tecnologia led di ultima generazione. L’intera filosofia di sostenibilità su cui tutto il padiglione è improntato si riflette anche nell’impiego di tecnologie costruttive innovative a basso impatto ambientale e nel suo completo riutilizzo. Composto da elementi modulari, il padiglione sarà assemblato in cantiere, trasportato con soli cinque camion e poi edificato con una tecnica costruttiva a secco. Smontabile, riutilizzabile, dopo l’esposizione il padiglione sarà convertito in uno spazio coperto dove praticare attività fisica a beneficio della collettività che lo ospiterà. Il ciclo di vita del padiglione Coca-Cola non finirà con Expo 2015. Anche in questo sta la “magia” sostenibile e Milano ne raccoglierà la sua eredità.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *